Facebook

Rouge comunicazione è una food brand agency specializzata nella realizzazione della comunicazione per il mondo food. Ci occupiamo di Food packaging desing, brand design, logo design, food marketing, SEO strategy, social media strategy

illustrazione megafono idee social media strategy

Il mondo del digitale è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità, modificando non solo il modo in cui andiamo alla ricerca di informazioni, news e opinioni, ma anche la metodologia di fruizione degli altri mezzi di comunicazione. Oggi teniamo perennemente lo smatphone o il tablet in mano, anche quando utilizziamo altri strumenti come TV, radio o riviste di settore.

Secondo le analisi, circa la metà della popolazione mondiale utilizza costantemente i social media, per una cifra che corrisponde a 3,8 miliardi di persone*. Un approccio strategico ai mezzi di comunicazione digitale è diventato fondamentale all’interno delle divisioni marketing aziendali (e non solo) per l’ottenimento di risultati concretamente misurabili.

(*Report Digital 2020 – Hootsuite).

Parliamo di un fenomeno di massa proprio perché l’accesso è facile e veloce: oggi chiunque può creare un account Social (personale o aziendale) o un Blog, acquisendo in poco tempo uno strumento con enormi potenzialità.

I risultati possono variare di molto e la differenza è nella Strategia:

  1. È necessario avere una Strategia
  2. È necessario conoscere gli strumenti per applicarla
  3. È necessario saperla testare, misurare e rimodulare per raggiungere l’obiettivo

Saper costruire una Social Media Strategy (SMS) efficace è il 1° passo fondamentale.

La definizione dell’Obiettivo, della Buyer Persona, l’Analisi dei Competitors, la definizione di contenuti coerenti, del Ton Of Voice adeguato sono il frutto di duro lavoro e competenze sviluppate nel corso degli anni. Questo manuale ha l’obiettivo di fornirti alcune linee guida generali per aiutarti ad approcciare il lavoro nel modo corretto utilizzando alcuni spunti per preparare la tua strategia digitale.

Ma procediamo con ordine partendo dalla definizione di questa strategia:

“La pianificazione dell’insieme di attività integrate che permettono all’azienda, attraverso i suoi canali social, di accrescere la propria immagine e reputazione online, tramite un’attenta analisi degli obiettivi da raggiungere e delle risorse da investire”.

 

Ora che siamo sicuri di averti spiegato in maniera chiara cosa intendiamo per SMS, ecco i 5 suggerimenti-chiave, per una corretta impostazione:

1 – DEFINISCI I TUOI OBIETTIVI

Molto spesso le aziende decidono di intraprendere operazioni nel mondo digital sull’onda delle attività effettuate dai loro principali concorrenti, senza aver stabilito con precisione quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere. Brand awareness, attività di upselling o cross selling, aumento del traffico su sito, incremento del tasso di Engagement Rate (ER), sono tutti obiettivi raggiungibili grazie alla creazione di contenuti differenti e differenti budget ADV. È consigliabile, quantomeno inizialmente, fissare traguardi di breve periodo ragionevolmente ottenibili anche a livello economico. Dopo aver raggiunto una serie di checkpoint fondamentali e migliorato la prestazione delle pagine, si può pensare di stabilire progetti più a lungo termine che prevedono il raggiungimento di KPI strategici (Key Performance Indicator).

2 – ANALIZZA IL CONTESTO

Per quanto possa sembrare banale, questo step è fondamentale nella fase di creazione della strategia. Dopo aver definito il mercato di riferimento, individua i principali concorrenti, verifica la loro presenza social e la tipologia di comunicazione adottata (es: tipologia contenuti, frequenza delle pubblicazioni, tono di voce). Un consiglio è quello di creare account Instagram o Facebook temporanei, per seguire tutte le realtà di settore individuate. In questo modo, nella homepage di riferimento, compariranno solamente post idonei all’analisi che si vuole effettuare, cosa che non sarebbe possibile attraverso le proprie pagine personali e aziendali. La finalità di questa operazione è quella di comprendere quali attività funzionano all’interno della loro strategia e, allo stesso tempo, individuare eventuali punti di debolezza da trasformare in opportunità per il tuo progetto. Il tutto deve essere combinato con un’analisi interna della tua situazione attuale, che comprende l’insieme dei punti di forza sui quali vuoi basare la tua strategia e le aree di miglioramento sulle quali intervenire.

3 – SCEGLI I SOCIAL ADATTI PER LA TUA COMUNICAZIONE

Questa fase è strettamente collegata alla definizione della buyer personas, ovvero a chi intendi rivolgere la tua comunicazione. La base della tua audience deve essere funzionale al prodotto o servizio che intendi pubblicizzare e agli obiettivi che ti sei prefissato, solo così puoi garantirti un ROAS (Return On Advertising Spent) adeguato. Essere presenti su tutti i social di riferimento spesso si rivela la scelta più controproducente. Non serve attivare profili numerosi per garantirsi la presenza su tutte le piattaforme se poi non si è in grado di sostenere un programma di comunicazione adeguato per ognuno di essi. È importante scegliere le piattaforme social più adatte al tuo business, tenendo in considerazione i vari utenti che le popolano e adattando di conseguenza il proprio stile e tone of voice (TOV).

Per esempio, LINKEDIN è sicuramente la piattaforma più matura. Creata per la generazione di business, vanta un’età media di 44 anni, con una leggera prevalenza di uomini (53%-47%). (*Ricerca effettuata da Royal Pingdom)

Su FACEBOOK la fascia d’età maggiormente presente è quella tra i 25 e 40 anni, con equa suddivisione tra pubblico femminile e maschile (50%-50%). Possiamo quindi parlare di un’applicazione adulta. Diversamente INSTAGRAM viene occupata principalmente da giovani, con una fascia d’età tra i 18 e 30 anni, anche qui con pari distribuzione di genere (49,5%-50,5%). (*Report Digital 2020 – Hootsuite).

Infine, l’età media si abbassa ulteriormente parlando di TIKTOK. Lanciato in Cina nel 2016, non si tratta di un vero e proprio social media, quanto piuttosto di un’app di intrattenimento basata sulla creazione di brevi video molto divertenti. Grazie alla sua semplicità e intuitività, oggi conta numerosi seguaci appartenenti alla Generazione Z, con un target che comprende ragazzi tra i 15 e 25 anni.

4 – REALIZZA CONTENUTI DI VALORE E SPONSORIZZALI

I contenuti pubblicati rappresentano il vero touchpoint con la tua target audience, per questo alla loro base non deve mai mancare la qualità. Il VALORE rappresenta l’unica soluzione per l’ottenimento di risultati e conversioni. Gli argomenti trattati devono interessare il tuo pubblico, ovvero devono essere utili. Gli algoritmi di Facebook e Google sono ormai in grado di distinguere facilmente i testi di valore da quelli generati con il solo scopo di incrementare le vendite attraverso l’utilizzo di slogan. Generare campagne di Content Marketing rappresenta una soluzione per scalare posizioni all’interno dei motori di ricerca, soprattutto se combinate con una strategia SEO adeguata.

Una volta selezionati gli argomenti da trattare (ed il relativo TOV), il passo successivo riguarda la sponsorizzazione per raggiungere il maggior numero di persone potenzialmente interessate ai contenuti generati. Il livello di competizione online ha raggiunto ormai livelli molto alti, di conseguenza il conseguimento degli obiettivi prefissati non può prescindere da investimenti in ADV. Pubblicare solo in organico non è più sufficiente. Esistono diverse forme di sponsorizzazione, ognuna di esse è funzionale per scopi specifici. Il video è il format che performa meglio, seguito da immagini in slide-show e dalla singola immagine. Per ottimizzare l’organizzazione dei contenuti da pubblicare, è consigliata inoltre la creazione di un piano editoriale (PED) che assicura una calendarizzazione delle uscite e facilita la successiva fase di monitoraggio.

5 – MONITORA I RISULTATI

È importante controllare periodicamente i risultati generati dalle varie attività sulle piattaforme social (es: dati statistici, interazioni, livello di engagement, commenti effettuati dal pubblico sul tuo brand). In questo modo ti sarà possibile, se necessario, modificare la strategia in corso d’opera al fine di ottimizzarla per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il valore di fare attività sui social è rappresentato infatti dall’insieme dei dati di ritorno che è possibile ottenere, funzionali alla strategia marketing complessiva della tua azienda. Conoscere una serie di caratteristiche del tuo pubblico, così come leggere i vari feedback circa il tuo brand, sono tutti strumenti importanti per posizionare correttamente il tuo prodotto o servizio sul mercato. In aggiunta a questi 5 consigli, è bene sottolineare un ulteriore concetto: l’attività sui social deve essere INTEGRATA.

Cosa significa?

  • mettere in relazione i canali social che si è scelto di utilizzare, così da ampliare il loro raggio d’azione e migliorare le loro performance;
  • supportare la strategia digitale con operazioni di marketing tradizionale (es: eventi, pubblicità, packaging, materiale cartaceo, punti vendita).

Queste sono le principali azioni per preparare una Social Media Strategy efficace, che ti permetterà di farti spazio nella moltitudine di competitors che ogni giorno fanno a spallate per emergere nei loro settori di appartenenza. In questo modo avrai gettato le basi per una gestione ottimale delle varie piattaforme.

logo facebook blog pagina aziendale

Avere una pagina Facebook aziendale continua ad essere una grande opportunità: se pensiamo che quasi il 50% della popolazione Italiana (per citare solo il Belpaese) è attiva sulla piattaforma è evidente che si tratta di uno strumento di comunicazione fondamentale per le imprese.

Allargando gli orizzonti, scopriamo che gli utenti attivi su Facebook a livello mondiale sono 2,5 miliardi (dati di Internet Live Stats), un bacino di potenziali clienti di proporzioni enormi.

Una pagina Facebook dà la possibilità di costruire un rapporto diretto con gli utenti, clienti potenziali o già attivi: interagire per comprenderne i reali bisogni è un aspetto fondamentale della strategia di comunicazione volta a costruire la tua Brand Reputation, ovvero a creare quel rapporto di fiducia e valore, che è la base fondante della conquista del cliente.

Non stiamo dicendo che è sufficiente avere una pagina Facebook per ritrovarsi all’improvviso attorniati da clienti. Bisogna studiare lo strumento, conoscere a fondo le sue potenzialità e sfruttarle al meglio in base ad obiettivi chiari in partenza.

In questo articolo vogliamo aiutarti ad individuare i 5 principali punti da cui partire per creare una pagina aziendale efficace e coinvolgente.

  1. La configurazione: è il passaggio più semplice, ma non per questo meno importante. Le informazioni di base come la descrizione dell’azienda, il sito web e gli eventuali orari di apertura sono tutti elementi da non tralasciare. Importantissime le immagini del profilo e della copertina, che devono essere coerenti con il profilo e gli obiettivi di comunicazione e di grande impatto per catturare l’attenzione. Non resta poi che indicare il pubblico preferito della pagina, ossia un target specifico per la tua azienda. Seleziona i luoghi, l’età, il sesso e gli interessi di coloro che vorresti avere nella tua Community. Questa fase merita attenzione e riflessione perché le tue indicazioni aiuteranno l’algoritmo a portare il giusto utente sulla tua pagina.
  1. La Netiquette. È l’insieme di regole comportamentali cui attenersi all’interno della pagina. È un elemento molto importante e troppo spesso trascurato. La netiquette ci aiuta a mantenere un “ambiente” piacevole e costruttivo, dove è possibile confrontarsi positivamente e ci mette in condizione di svolgere l’attività di mediazione in modo chiaro e trasparente. Deve essere inserita all’interno delle tab che vediamo a sinistra della pagina, proprio sotto l’immagine del profilo. Prendi pure spunto da importanti marchi e aziende, tenendo conto che la TUA pagina deve avere la TUA Netiquette.
  1. Parti da una strategia di comunicazione Che cosa vuoi ottenere? Brand Awareness? Conversione al tuo e-commerce? Chi sono i tuoi Competitors e come si muovono? Chi è il tuo target? Quale stile, quale TOV ti permetterà di raggiungerlo e conquistarlo? Non si può partire senza una mappa ben definita, ecco perché una buona Social Media Strategy è fondamentale. E ricorda: la parola d’ordine è creare la tua Community,  ovvero non una Community qualsiasi, ma quella giusta per la tua Azienda e il tuo Brand. Quella giusta è la Community che interagisce.
  1. Utilizza Facebook Ads. Il contenuto è Re diceva qualcuno e noi ne siamo convinti, ma l’ADV è Regina.  Non è più possibile immaginare di accrescere l’Audience, la visibilità e l’interazione senza mettere in preventivo un minimo di investimento. Definire l’ammontare di questo “minimo” è parte della Social Media Strategy e non può prescindere dagli obiettivi. Non spaventarti però: minimo può essere una cifra molto contenuta rispetto al beneficio e ai costi di una campagna stampa tradizionale. Inizialmente potrai cliccare su “Metti in evidenza il post” e pianificare facilmente la tua campagna a pagamento, decidendo costi, tempi e numero di persone da raggiungere. Con il crescere della tua Pagina e degli obiettivi, sarà più conveniente utilizzare il Business Manager di Facebook, che fa parte degli strumenti avanzati di cui vi parleremo in un articolo focalizzato sulle campagne pubblicitarie.
  1. Moderazione delle interazioni: con l’aumento dei fan della pagina se avrai fatto un buon lavoro aumenteranno anche le interazioni e i commenti. È fondamentale essere sempre attenti e presenti, rispondere alle richieste e alle osservazioni, sia positive che negative. Ormai l’utente è abituato a ricevere una risposta quasi immediata; non rispondere potrà voler dire perdere audience, ovvero potenziali clienti.

La creazione e la gestione di una pagina Facebook aziendale non è un’attività semplice, come avrai compreso richiede studio  e aggiornamento costante. Non è un passatempo e nemmeno un’attività da gestire a tempo perso, ma se lavorerai nel modo giusto otterrai risultati soddisfacenti. I Social offrono la possibilità di gestire una vetrina infinitamente grande;  è importante conoscere e sfruttare ogni opportunità e questo articolo vuole essere solo un piccolo aiuto per iniziare ad orientarti.

illustrazione megafono tone of voice

FACEBOOK e INSTAGRAM, due Social Network un unico Proprietario.

Il primo è il Social Media per eccellenza, dal 2004 ha visto una crescita ed influenza enorme all’interno delle nostre vite, dei nostri comportamenti.

Oggi Facebook Italia conta circa 30 milioni di utenti attivi, con un macro-target tra i 25 e i 45 anni. E’ una piattaforma “adulta” ma con un algoritmo sempre giovane, in continua evoluzione. Instagram è esplosa negli ultimi 5 anni, acquistata da Facebook nel 2012 per circa 1 miliardo, oggi ne vale ben 100!

Nasce come Social di contenuti fotografici per poi diventare un “periscopio delle nostre vite” (Antonio Dini, La Stampa, “L’affare del Secolo di Facebook si chiama Instagram”), con Post, Stories, Reels (un colpo basso per Snapchat) e circa 20 milioni di utenti attivi in Italia. Instagram è giovane, popolata da utenti tra i 18 e i 25 anni ed è in costante crescita. Algoritmi e Audience differenti che devono essere tenuti in considerazione per qualsiasi Brand o Azienda che voglia entrare a farne parte.

L’ERRORE ZERO: IL CROSS-POSTING.


Uno tra i più noti errori a livello di Strategia e Comunicazione Social è la totale dimenticanza delle differenti tipologie di AUDIENCE che presentano le due piattaforme. che le due piattaforme presentano due differenti tipologie di AUDIENCE. Non affrontare Facebook e Instagram in egual modo, un contenuto che può performare bene per interazioni o conversioni su Facebook potrebbe non esserlo su Instagram e viceversa.

ANALISI, ANALISI, ANALISI.

È necessario che tu definisca dal principio tre livelli di approfondimento:
  1. Analisi dell’Audience del Social Network. Chi è che vive su Facebook? E chi su Instagram?
  2. Analisi e definizione della MIA Target Audience e della Buyer Personas a cui voglio rivolgermi.
  3. Definizione del Social TONE OF VOICE (TOV), coerente con la Marca o Azienda, i suoi valori e Mission.
Facebook e Instagram sono sempre più due strumenti imprescindibili per una Strategia di Comunicazione Multicanale ed Integrata poiché consentono di amplificare Messaggi e Brand Values in maniera straordinaria. D’altra parte però, se non condividerai un Messaggio tramite un TOV coerente e genuino, quest’ultimo verrà ignorato dalla Target Audience e sostituito da Messaggi molto più performanti.

AT LAST

“Ricordati che condividere un Post significa mettere in gioco la Reputazione del Brand o Azienda.” (Veronica Gentili, LinkedIn, Settembre 2020) PIANIFICA una STRATEGIA SOCIAL che tenga conto delle diverse Piattaforme di appoggio con un costante MONITORAGGIO e OTTIMIZZAZIONE delle prestazioni. Questo implicherà sicuramente uno sforzo maggiore, ma anche un’elevata probabilità che il Messaggio verrà accolto genuinamente dalla Target Audience, che con il tempo diverrà una fedele Community. P.S. Il Post perfetto, l’Orario perfetto, la Stories perfetta NON ESISTONO!